Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Jean Varraud (1873 -1926)
Jean Varraud (1873 -1926)Jean Varraud nasce a Lione il 18 agosto 1873, i suoi genitori sono imprenditori che dall’industria del tannino. Si laurea in legge e si inserisce nell’azienda familiare decidendo di svilupparne l’attività impiantando un nuovo stabilimento per la produzione dell’acido tannico lontano dalle industrie concorrenti. La Garfagnana con i suoi boschi di acacia e castagno la cui corteccia fornisce, nella classe dei tannini, una qualità particolarmente efficace dell’acido, si rivelò terra ideale per questa sua iniziativa anche grazie alla ricchezza idrica, condizione indispensabile per questo tipo di industria, e l’esistenza di una manodopera ancora contadina.
Tra il 1908 e il 1910 Bagni di Lucca vide sorgere il primo stabilimento per la produzione del tannino per mano dell’imprenditore francese e del suo socio, l’ingegnere livornese Vincenzo Pellegrini.
L’industria diede un notevole impulso economico alla zona che vide, fra l’altro, la costruzione di una teleferica di 120 km per il trasporto dei tronchi
“ C’è ancora chi lo ricorda fisicamente, di corporatura robusta, cordiale, affabile e pur non avendo mai preso familiarità con la lingua aveva partecipato con interesse e altruismo alla vita del paese. Per il suo sviluppo e per diffonderne la fama di luogo terapeutico, nutriva infatti grandi progetti come l’incremento alberghiero e la realizzazione di servizi pubblici. Anche una sorgente termale, da lui captata, gli fu dedicata chiamandola con il suo nome. Una circostanza decisiva per legare l’imprenditore a quella terra fu il matrimonio con una lucchese anch’essa di ceto benestante, apparteneva alla famiglia dei Santini, detti della Polla in quanto possedevano una sorgente a Vodottavo a loro intitolata”. (Matteucci, p.16)
Jean Varraud muore l’11 gennaio 1926.

Bibliografia:
Giuliano Matteucci Paola Paccagnini (a cura di), La collezione Varraud, Massarosa (LU), 1994
  • Facebook
  • twitter
  • Google +
  • (Fine Navigatore Social)